Dopo l’annuncio dei selezionati ai concorsi, ecco gli Eventi cinematografici di questa diciassettesima edizione, al Cinema Greenwich (via Po 30, Torino).
Leggi qui le indicazioni per i prezzi dei biglietti e degli abbonamenti.


 

IL CARTOGRAFO

di MegaBaita, 113′, Italia, 2017
Martedì 17 Ottobre, h. 20,30, Cinema Greenwich, via Po 30, Torino
Al termine, incontro con gli autori.

Serie divisa in dieci episodi realizzati dal collettivo Magabaita - che vede tra i fondatori i membri del duo elettronico Uochi Toki - che narra il viaggio permanente di uno degli ultimi uomini rimasti sulla Terra, pianeta ormai soverchiato da un evento imponderabile. L’uomo, mosso dalla volontà di mappare gli orizzonti sconvolti, attraversa una Terra spoglia di forme, il cui radicale mutamento ha coinvolto ogni grado della natura, fino alla dimensione dell’essere. Le parole, recipienti morti di semantica, vestiranno le significazioni di un ordine impenetrabile: è l’alba di un possibile nuovo fondamento del flusso di realtà. Nel viaggio ci è guida la voce narrante del nomad che incede in un’ipnosi di artificio teatrale, linguaggio costruito su un’emozione ormai non più riconoscibile, perché fossile di una storia estinta: la storia umana.

 

THE ANTITHESIS

di Francesco Mirabelli, 97′, Italia, 2017
Giovedì 19 Ottobre, h. 20,30, Cinema Greenwich, via Po 30, Torino
Al termine della proiezione incontro con autore e cast

Una giovane geologa, su delega di un architetto, va a soggiornare in una villa nella quale si verificano fenomeni anomali dovuti a sbalzi termici esorbitanti. Una volta stabilitasi nella dimora, la ricercatrice si ritroverà catapultata in un vortice di orrore e delirio…
Uno dei film italiani di genere più attesi della prossima stagione, un giallo-horror ispirato ai classici del genere, con protagonista la regina del noir italico Crisula Stafida e le musiche originali di Claudio Simonetti.

 

THE EVIL WITHIN

di Andrew Rork Getty, 98’, USA, 2017 (v.o. sott. ITA)
Venerdì 20 Ottobre, h. 20,30, Cinema Greenwich, via Po 30, Torino
Al termine della proiezione Q&A con Davide Pulici e Chiara Pani (Nocturno Cinema)

Crudele e allucinatorio, di questo film, peraltro dannatamente bello, è importante la genesi.
2002: il regista è parte della multimiliardaria famiglia Getty, appassionato di horror che decide di realizzare un proprio film, senza badare a spese. Le riprese durarono dal 2002 al 2008, tra infinite difficoltà e il pessimo carattere del regista. Il film narra di Dennis, un giovane diversamente abile ossessionato dalla sua immagine riflessa da uno specchio: è proprio da lì esce Il Narratore, essere mostruoso che lo circuisce scatenandone la follia. Il mondo sconvolgente di Dennis è popolato da incubi terribili, gli stessi che Andrew Getty disse di aver avuto da ragazzino e che hanno ispirato la pellicola.
Il film restò per anni nel cassetto per venire poi presentato nel 2016 all’American Film Market. E Getty? Dopo 15 anni di tribolazioni e l’amore sviscerato che mise nel realizzare il suo sogno, non riuscì mai a vederlo concluso e montato: venne trovato morto, vittima di un omicidio, nel 2015.
Film non solo maledetto. Maledettamente affascinante.